La mima digiuno di Valter Longo: il Kit di Prova

- Marcello - Commenta
Dieta mima digiuno il kit del Dottor Valter Longo

In cosa consiste la dieta “mima digiuno” ideata dal Dottor Valter Longo, di cui avevamo ampiamente parlato nel nostro precedente articolo? Lo dice il nome stesso: una dieta a basso apporto di calorie, che assomiglia ad un digiuno, e dovrebbe “resettare” il nostro sistema immunitario.

In che modo? Durante questi cinque giorni il nostro corpo va in carenza di zuccheri (che non sono previsti in nessuno degli alimenti della dieta) per cui genera energia alternativa utilizzando le riserve di grasso (di qui la possibile perdita di almeno un paio di kg di peso).

Inoltre l’organismo sopperisce alla mancanza di proteine distribuendo le risorse disponibili in modo più efficiente, e questo si traduce in una produzione di nuove cellule staminali che andranno a sostituire le vecchie cellule.

Cosa succede durante la dieta mima digiuno (DMD)

Una nostra collaboratrice, che chiameremo Angela, ha provato i 5 giorni di dieta, per cui ora vi racconteremo giorno per giorno, che cosa ha mangiato, in che quantità e come si è sentita a livello fisico e mentale.

Ricordiamo sempre che non siamo dei dottori e non vogliamo insegnare niente a nessuno. Ci teniamo a raccontare un’esperienza scendendo nei particolari, e ciò che ha provato Angela è comunque estremamente soggettivo e può cambiare da un individuo ad un altro.

Proprio per questo, prima di affrontare questo tipo di dieta, è bene farsi consigliare da un medico o da un nutrizionista, che farà da supervisore, approvando o no il protocollo Prolon della DMD.

Dieta mima digiuno: le controindicazioni

Siccome durante la dieta vi è un apporto controllato di calorie, che di giorno in giorno calano progressivamente (da 1.200 Kcal fino a circa 800 Kcal), è facile riscontrare alcuni effetti collaterali indesiderati.

Tra questi ansia, depressione, vertigini, sonnolenza, affaticamento, mal di testa, fame, irritabilità, dolori muscolari, nausea e mal di
schiena, stipsi, svenimento, bassa pressione sanguigna e basso livello di glucosio nel sangue.

Chi è abituato a consumare caffè in quantità, potrà soffrire di mal di testa dovuto alla carenza di caffeina. Al termine dei 5 giorni, è bene riprendere la propria dieta normale molto lentamente, evitando pasti pesanti e preferendo cibi liquidi come zuppe o minestroni.

Dieta mima digiuno: il kit

Dieta mima digiuno il kit del Dottor Valter Longo
Il kit completo per 5 giorni di dieta costa 190 euro, si può ordinare online, e contiene, come potete vedere dalla foto sopra: le 5 scatole con i componenti (tutti di origine vegetale) suddivisi giorno per giorno; un foglio illustrativo contenente tutti gli ingredienti di ogni alimento; una bottiglia vuota (da 950ml) per gli L-drink giornalieri, e un vasetto con integratori in pastiglie.

Non bisogna ovviamente consumare altri cibi o bevande durante i 5 giorni, se non acqua ed eventualmente tisane alle erbe. Si può invece cambiare l’ordine dei componenti giornalieri magari invertendo pranzo e cena, o colazione e pranzo ecc.

Sconsigliate anche le attività faticose e sportive, le bevande gassate, le bevande con caffeina e gli ambienti con temperature troppo calde o troppo fredde.

Quello che contiene ogni scatola, lo scopriremo giorno per giorno, assieme a ciò che ci racconterà Angela:

Prima di affrontare la dieta mima digiuno è assolutamente necessario rivolgersi ad un medico, che farà da supervisore approvando o no il protocollo della dieta. Sconsigliamo in modo assoluto le soluzioni “fai da te”.In quanto tutti gli elementi contenuti nei cibi sono calibrati in base alle reali esigenze del paziente

Commenta

l'indirizzo email non sarà visibile pubblicamenteCampi contrassegnati da " * " sono obbligatori

*

*